Torremaggiore, FG - Italy
info@cortestorico.it

Il Corteo Storico di Fiorentino e Federico II in uno studio demo-antropologico della prof.ssa Anna Iuso della Sapienza di Roma

Il Corteo Storico di Fiorentino e Federico II in uno studio demo-antropologico della prof.ssa Anna Iuso della Sapienza di Roma

Venerdì 10 maggio si conclude a Torremaggiore il ciclo del corso di storia anno 2024 con l’intervento della prof.ssa Anna Iuso dell’Università La Sapienza di Roma. La docente, che ha pubblicato un suo studio la genesi e lo sviluppo del Corteo storico di Fiorentino e Federico II nella Rivista specialistica Lares e in un volume per Carucci editore, propone una chiave di lettura demo-antropologica dell’evento, mettendo in risalto gli sforzi compiuti dagli organizzatori del Centro Don Tommaso Leccisotti, nel generale movimento di recupero e valorizzazione del territorio.

L’evento Corteo, che si fissa nella memoria e nella storia del paese come tradizione a sé stante, assumendo i contorni di una «memoria culturale», ma anche, sempre più consapevolmente ed esplicitamente, di patrimonio, sembra nebulizzarsi, polverizzarsi, disperdersi in mille rivoli, lasciando tracce a diversi livelli: radicato in una precisa componente identitaria della città, grazie alla sua forza finisce per essere ‘afferrato’ da molte parti, per fondersi in diversi ambiti e ordini di significato, incrociandosi fra l’altro con una sempre più diffusa ideologia patrimoniale.

Se la storia intesa come patrimonio di pochi è un’immagine potente, lo è ancor di più la sfida lanciata dal nuovo metodo alla conoscenza del passato. Quest’ultima rinvia infatti non solo all’idea che la storia è vissuta, appunto, come un sapere che nelle stesse intenzioni e parole dei protagonisti è patrimonializzato ma anche al fatto che essa corrisponde alla democratizzazione della società torremaggiorese, che ora può attingere direttamente alle fonti di quel sapere senza intermediazione di sorta.